La prevenzione al centro con il progetto “Colon2018”. Successo per l’evento di Roma.

//La prevenzione al centro con il progetto “Colon2018”. Successo per l’evento di Roma.

La prevenzione al centro con il progetto “Colon2018”. Successo per l’evento di Roma.

Grande successo per il Progetto di educazione sanitaria e supporto alla prevenzione “Colon 2018 promosso dalla Direzione Clinica del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e dalla FAIS (Federazione Associazioni Incontinenti e Stomizzati), reso possibile grazie alla Commissione Europea (Joint Research Centre @EU_Sciencehub) e patrocinato da OPI (Ordine delle Professioni Infermieristiche) e AIOSS (Associazione Tecnico Scientifica Operatori Sanitari Stomaterapia e Riabilitazione del pavimento pelvico) che ha avuto luogo all’interno del Policlinico e del centro commerciale Euroma2, dal 23 al 25 novembre.

Per tre giorni medici e infermieri hanno accompagnato gli alunni delle scuole elementari e i cittadini di tutte le età alla scoperta dell’organo e delle malattie organiche e funzionali del colon-retto promuovendo uno stile di vita sano e l’importanza della corretta alimentazione per prevenire complicazioni.

L’evento è stato riportato da diverse testate giornalistiche che hanno sottolineato l’importanza dell’iniziativa:

“il tumore al colon-retto rappresenta oggi il terzo tipo di tumore per incidenza e mortalità nel mondo occidentale, dopo quello alla mammella e quello del polmone. Secondo le statistiche (fonte Siucp) ogni anno si registrano 30.000 casi in Italia, 150.000 in Europa, 678.000 nel mondo. In Italia l’incidenza è di 30-50 nuovi casi ogni 100.000 abitanti: i tassi più elevati si registrano nell’Italia centro settentrionale con prevalenza per i tumori del retto nel sesso maschile”

 – Il Corriere della Città – 23 nov. 2018

e ancora:

“Anche l’incontinenza, che oggi colpisce circa il 2 per cento della popolazione e spesso non viene diagnosticata perché non se ne parla per vergogna, è una patologia che può essere curata. Va promossa quindi una dieta in grado di non alterare la flora batterica del colon, ricca di fibre vegetali e che non ecceda in grassi e proteine.”

Elena Matteucci – Controluce del 24 nov. 18

La Dott.ssa Assunta Scrocca, stomaterapista del Campus e tra le organizzatrici della giornata, racconta:

“La credenza dei sanitari che la popolazione civile è informata ed è a conoscenza di come mantenere il proprio stato di salute in quanto, a prescindere dalle fonti,sul web è possibile fare ricerche e informarsi, è assolutamente errata. 

 La prova tangibile mi è arrivata attraverso le osservazioni effettuate nelle tre giornate di sensibilizzazione per la  prevenzione delle patologie del colon, la confusione rispetto alla corretta alimentazione piuttosto che alle indagini da eseguire  in caso di segni e sintomi sospetti, ci porta a riflettere su quanto è importante insistere con comunicazioni che utilizzino diversi canali, così che il focus della informazione possa  arrivare a tutti.

La possibilità di avere il simulatore del colon ha permesso alle 1000 e più persone adulte e circa 250 bambini, (sono dati ancora preliminari), che  hanno visitato il colon di poter vedere le diverse patologie,  ascoltare le spiegazioni, fare domande e avere depliant e indirizzo email a cui potersi rivolgere in caso di approfondimenti.

I professionisti coinvolti, dal prof Cicala,al prof. Guarino entrambi gastroenterologi, alla prof.ssa Alloni chirurgo specialista in chirurgia endoscopica e ancora gli infermieri esperti in chirurgia e Stomaterapia o i nutrizionisti, hanno risposto a tutte le domande,forniti consigli e suggerimenti, rendendo cosi la campagna un momento di confronto tra i sanitari che fuori dal contesto ospedaliero si sono avvicinati ancora di più  alla popolazione.

L’ iniziativa è stata molto apprezzata da tutti e qualche persona ci ha chiesto se era prevista una replica per coinvolgere amici e parenti. Posso dire che questa è stata una esperienza positiva, un inizio per dare il via a giornate di prevenzione a tema magari con altri simulatori.”

Non è la prima volta che la Fais supporta giornate di prevenzione. Nel maggio scorso avevamo partecipato all’Happy International Nurses Day a Varese, un evento costruito con molta attenzione e competenza dall’associazione Maya e dalla sua vice presidente Maria Rosa Genio, molto attiva sul territorio nell’area assistenziale, che ha avuto come assoluto protagonista lo stesso colon gonfiabile che le persone hanno potuto visitare accompagnate da guide esperte(Roberta Brazzale, Maria Rosa Genio, Maria Cristina Serra, Katia Ballo, Nicoletta Rognoni, Lorenza Manganini, Mariateresa Maglione, Enza Picaro, Chiara Maifrani e Sabrina Ranzoni e Mary Venditti).

Con queste iniziative la FAIS intende sostenere campagne con messaggi forti dove, lo ricordiamo, nessuno è escluso, e solo grazie alla prevenzione e alla conoscenza si possono evitare problemi molto seri.

Guarda la Gallery:

By | 2018-11-28T09:20:15+00:00 Nov 28th, 2018|Articoli|Commenti disabilitati su La prevenzione al centro con il progetto “Colon2018”. Successo per l’evento di Roma.