L’A.O.U. “Vanvitelli” di Napoli non acquista gli elettrostimolatori sacrali per la Neuro Modulazione. Grave disagio per la salute delle persone incontinenti.

//L’A.O.U. “Vanvitelli” di Napoli non acquista gli elettrostimolatori sacrali per la Neuro Modulazione. Grave disagio per la salute delle persone incontinenti.

L’A.O.U. “Vanvitelli” di Napoli non acquista gli elettrostimolatori sacrali per la Neuro Modulazione. Grave disagio per la salute delle persone incontinenti.

Dopo i casi denunciati dalla FAIS a Policlinico Umberto I di Roma. Continuano i disagi anche per gli incontinenti napoletani. Numerose segnalazioni sono arrivate alla FAIS onlus da parte di pazienti in attesa di un impianto di elettro stimolatori sacrali per la neuro modulazione; il problema principale è il ritardo nell’acquisizione da parte della A.O. dei dispositivi medici in questione. Per questo è stata inviata una comunicazione urgente ai vertici dell’azienda ospedaliera napoletana per intervenire e trovare una soluzione al problema che incide in maniera drammatica sulla qualità della vita delle persone incontinenti e dei loro familiari. Tra i casi denunciati, che non riguardano soltanto l’A.O. “Vanvitelli”, anche quello di una signora napoletana alla quale è stato impiantato un dispositivo cinque anni fa, da due anni le batterie sono scariche e non vengono sostituite. Risultato, la signora è ritornata incontinente cronica e vive con il pannolone, la qualità di vita è peggiorata e le spese di gestione aumentate significativamente.

La neuro modulazione sacrale è una metodica chirurgica validata che trova le sue applicazioni già dal 1995 per i disturbi funzionali della defecazione e della minzione, quindi nell’incontinenza fecale e urinaria, nella stipsi cronica e nel dolore pelvico cronico. È una tecnica mini-invasiva che permette il mantenimento dell’integrità anatomica e l’ottenimento di risultati positivi per i pazienti affetti da questi deficit funzionali. Nell’ottica di un miglioramento della salute del nostro Paese si è anche espressa, all’inizio del 2018, l’intesa dalla conferenza permanente Stato/Regioni che prevede l’organizzazione, a livello regionale, del trattamento dell’incontinenza quale patologia degna di grande attenzione.


Per questi motivi, commenta Marina Perrotta presidente FAIS, chiediamo alle autorità preposte un intervento urgente allo scopo di consentire l’attivazione delle attività chirurgiche indispensabili al ripristino dello stato di salute e alla restituzione della necessaria serenità a quei pazienti affetti da deficit funzionali gravi che sfociano in un disadattamento sociale non trascurabile

By | 2019-02-26T15:20:28+02:00 Febbraio 26th, 2019|Articoli|Commenti disabilitati su L’A.O.U. “Vanvitelli” di Napoli non acquista gli elettrostimolatori sacrali per la Neuro Modulazione. Grave disagio per la salute delle persone incontinenti.