IL PROGETTO DI FORMAZIONE “LIONS FOR STOMA CARE” (LFSC) NELLO ZIMBABWE

//IL PROGETTO DI FORMAZIONE “LIONS FOR STOMA CARE” (LFSC) NELLO ZIMBABWE

IL PROGETTO DI FORMAZIONE “LIONS FOR STOMA CARE” (LFSC) NELLO ZIMBABWE

Ufficialmente conosciuto come Repubblica dello Zimbabwe (16,53 milioni di abitanti, secondo i dati del 2017),il territorio ha una superficie di 390,580 km2  ed è  situato nell’Africa centro-meridionale. Confina a nord con lo Zambia, a nord-est e ad est con il Mozambico, a sud con il Sudafrica, a sud-ovest e ad ovest con il Botswana. Harare, precedentemente nota come Salisbury, è la sua  capitale ed  è la città più grande nonché  il centro amministrativo, commerciale e di comunicazione

L’economia dello Zimbabwe dipende principalmente dall’agricoltura. Il paese ha strade , reti ferroviarie ed un  buon  servizio aereo nazionale e internazionale. Le principali esportazioni sono : cotone, tabacco, oro, ferro, tessuti e abbigliamento. Le importazioni comprendono macchinari, mezzi di trasporto, manufatti, prodotti chimici e combustibili. Il Sudafrica è di gran lunga il maggior partner commerciale, seguito da Cina, Giappone e Zambia.

Il paese  ha 16 lingue ufficiali  compreso l’inglese; Shona e Ndebele  i più comunemente usati.  Il clima è tropicale o subequatoriale.

Lo Zimbabwe è noto per il suo paesaggio spettacolare e la sua variegata fauna selvatica, in gran parte all’interno di parchi, riserve e aree di safari. Sul fiume Zambesi, le Cascate Vittoria fanno un tuonante salto di 108 metri nella stretta gola di Batoka, dove si praticano  il rafting sulle rapide e il bungee jumping. I parchi nazionali Matusadona e Mana Pools,  ospitano ippopotami, rinoceronti e uccelli vari.

COME È NATO  ILCO- ZIMBABWE

Il progetto ILCO – Zimbabwe è stato avviato dalla famiglia Moyo di Harare. Tutto è nato  dalla difficile esperienza  che ha trovato la famiglia Moyo  per salvare la vita della figlia Lizzie.

Lizzie   ha avuto la stomia  nel 2006 ed ha toccato con mano le grosse difficoltà  a  condurre una vita accettabile  nel suo paese

A questo punto la famiglia non si è scoraggiata ed ha  deciso di mobilitare altri stomizzati  dello Zimbabwe , nel  tentativo di difendere i loro speciali bisogni e di sollecitare l’interesse della sanità del loro paese.

Marie Stéen, vicepresidente del dipartimento internazionale di ILCO – Svezia, è stata contattata da Heini Lindsal per conto della famiglia Moyo. C’è stato un intenso periodo di corrispondenza con  scambio di esperienze tra Marie Stéen , Lizzie Moyo e la sua famiglia. Da questo contatto hanno imparato  a conoscere meglio il lavoro svolto da ILCO- Svezia  e si sono rese conto  che nei  diversi stati esistono  numerose organizzazioni che collaborano per aiutare gli  stomizzati  di  tutto il mondo.

La pianificazione pre-progetto  LFSC  è  quindi iniziata  alcuni anni fa  a Stoccolma. Lizzie è stata quindi  incoraggiata a continuare a raggruppare altri stomizzati nello Zimbabwe e nei paesi limitrofi con l’obiettivo di fondare  ILCO –ZIMBABWE- TRUST  che è  stato registrato nel 2010.

Il progetto tra ILCO Sweden e ILCO- ZIM è iniziato nel 2011.

GESTIONE DI ILCO ZIM TRUST

La direzione dell’organizzazione è composta da sette membri del consiglio di amministrazione, un direttore, un tesoriere,  un responsabile del programma e due rappresentanti delle filiali. Tutto il lavoro viene svolto su base volontaria

PERCHÉ “LIONS FOR STOMA CARE” (LFSC) NELLO ZIMBABWE

Ho incontrato Linda e Lizzie Moyo dello Zimbabwe alla conferenza EOA (European Ostomy Association) tenutasi a Taastrup – Copenaghen, dal 5 all’8 ottobre 2017, dove mi trovavo  insieme alla Presidente della  FAIS Marina Perrotta. Lizzie nella sua relazione  al congresso , ha evidenziato l’estrema necessità di aiuto che hanno  gli stomizzati  del suo paese in quanto mancano sia le sacche che gli accessori per stomia ; i prodotti  che si trovano sono  molto costosi e la maggior parte degli stomizzati non può permettersi di acquistarli.  Le ditte poi  non sono interessate ad investire in questi paesi  poveri  che hanno poco mercato!

Insegna dell’ospedale

Come abbiamo spiegato,  la famiglia Moyo  ha fondato l’ILCO Zimbabwe, radunando un gruppo di circa 800 stomizzati . Nel 2016, l’ ILCO Zimbabwe (ILEOSTOMY-COLOSTOMY ZIMBABWE TRUST) ha ricevuto un container  da ILCO – Svezia pieno di prodotti per stomia. Poiché gli affitti nello Zimbabwe sono molto costosi, hanno pensato di utilizzare il container come magazzino – ambulatorio collocandolo  nell’area del Parirenyatwa Group of Hospitals. Ben presto, però  lo spazio si è rivelato  insufficiente ed  ancora una volta ILCO Svezia  ha risposto generosamente alla chiamata inviando un secondo container  per garantire lo stoccaggio dei materiali, in modo da utilizzare l’altro come ambulatorio.

Marie Stèen  collabora all’allestimento della cerimonia di inaugurazione dei due containers inviati da ILCO – Svezia.

Data la difficile situazione  senza personale infermieristico addestrato,  abbiamo  deciso di programmare un intervento dalla nostra organizzazione “Lions for Stoma Care” (LFSC) coinvolgendo  la “Lions Club International Foundation” (LCIF) che ha gentilmente concesso  ai Lions dello Zimbabwe una sovvenzione  di  10.000 US$. Grazie a questo contributo, all’entusiasmo e alla collaborazione dei Lions locali, all’impegno e al duro lavoro del PDG Jona Machaya (Zimbabwe) e Linda e Lizzie Moyo, agli input di Sua Eccellenza Godfrey Magwenzi, Ambasciatore in Italia dello Zimbabwe, all’impegno del  PIP Dr. Ashok Mehta (India), del  PID Dr. Manoj Shah (Kenya) e all’aiuto di Marie Steen di ILCO Svezia, è stato possibile organizzare dal 3 al 7 dicembre 2018, il primo corso di formazione dedicato a medici, infermieri e stomizzati presso l'”Harare Central Hospital”.

Il team di insegnanti  era composto da : Prof. Carlo Pezcoller (Italia),  E.T. Tai Seow Beng (Malesia) e Marie Sten (in rappresentanza di ILCO – Svezia)

Alla destra del Prof. Carlo Pezcoller, iI Lions PDG Jona Machaya insieme alle Lions Priscilla, Ruth e Thabani

CORSO LFSC:

Il corso ha visto la partecipazione di 30 professionisti (medici e infermieri) entusiasti di apprendere  come costruire correttamente una stomia, come gestirla  praticamente nella vita quotidiana, come affrontare i molti problemi psicologici e sociali (dieta, relazioni e sessualità, abbigliamento, lavoro, viaggi, hobby ecc. )

Il team di insegnanti, oltre a conferenze e dimostrazioni pratiche con borse per stomia e accessori, ha anche esaminato alcuni stomizzati dando preziosi consigli per migliorare la loro qualità di vita. Sfortunatamente, oltre agli adulti, abbiamo scoperto che esiste anche un discreto numero di bambini con stomia, principalmente a causa di malformazioni congenite. Purtroppo  alcuni di questi piccoli hanno un’esistenza molto infelice perché non hanno ricevuto aiuti dalla famiglia e vivono  abbandonati al loro triste destino, isolati dal mondo, dagli affetti familiari, dai compagni di gioco e senza  andare a scuola.

Con un silenzio assordante, si apre quindi  l’ enorme capitolo dei bambini  stomizzati , una sofferenza silenziosa che nel mondo ha poca attenzione  sia da parte delle autorità sanitarie che dei medici stessi  e dei media.

Selezione del tipo di sacca

L’ aspetto organizzativo del corso è stato magistralmente gestito da Linda e Lizzie Moyo e dal PDG Jona Machaya insieme ai Lions locali che voglio  qui menzionare : PDG Dr. Alva, PDG Clever Mugadza, Presidente L.C. “Harare the Phoenix” Tinashe Chihwayi  con le  Lions Priscilla, Ruth, Thabani. Ognuno di loro ha partecipato a turno  alle nostre lezioni, sottolineando l’attenzione e la solidarietà concreta di  tutti Lions dello Zimbabwe per questo grave handicap.

Alla fine del corso abbiamo consegnato 30 certificati di partecipazione ad altrettanti infermieri che sono ora in grado di assistere e gestire una stomia e la direzione infermieristica del reparto pediatrico dell’  “Harare Central Hospital” ha designato all’interno dell’ edificio una stanza dove il personale che abbiamo formato può  visitare ed aiutare in tutta tranquillità gli stomizzati  della capitale.

llustrazione alle allieve infermiere delle varie sacche per stomia:  In primo piano : a sinistra il Prof Carlo Pezcoller alla cui sinistra si trova Lizzie Moyo. A destra della foto la E.T. Tai Seow Beng ( Malesia )

La  vicenda  che ho raccontato, rappresenta un esempio  emblematico per tutte le  associazioni  nazionali di stomizzati  che  spesso sono  eccessivamente concentrate sulle proprie problematiche,  rinunciando a progetti di respiro internazionale che possono trovare il consenso  di altre  organizzazioni diffuse in tutto il mondo

Ma l’interesse dei Lions dello Zimbabwe  non finisce con questa iniziativa! Si sono impegnati  a seguire lo sviluppo dello “stoma care ” nel  loro paese in modo che il seme piantato questa volta, possa germogliare, svilupparsi  e portare frutti abbondanti!

Lions  Prof. Carlo Pezcoller,
Modena- Italia

La Fais è supporter ufficiale del Progetto LFST
By | 2019-01-18T11:22:31+00:00 Gennaio 18th, 2019|Articoli|Commenti disabilitati su IL PROGETTO DI FORMAZIONE “LIONS FOR STOMA CARE” (LFSC) NELLO ZIMBABWE