DALL’ECAMP DI B. BRAUN NASCE IL “PATIENT FLOW NELLO STOMACARE”

//DALL’ECAMP DI B. BRAUN NASCE IL “PATIENT FLOW NELLO STOMACARE”

DALL’ECAMP DI B. BRAUN NASCE IL “PATIENT FLOW NELLO STOMACARE”

Si è chiusa il 21 novembre la terza e ultima giornata di lavori dell’e-camp 2019 di B.Braun, che ha portato alla definizione del “Patient Flow nello stomacare”, un utile punto di riferimento per operatori sanitari e persone stomizzate in quanto definisce il percorso di cura step by step della persona con stomia dal momento della presa in carico e nella gestione della vita quotidiana dopo le dimissioni dall’ospedale. Al centro del percorso, in ogni sua fase, c’è la persona stomizzata, con tutte le proprie necessità ed esigenze, non solo fisiche ma anche psicologiche e relazionali.

Il progetto, che ha ricevuto il patrocinio di FAIS e di AIOSS, ha riunito intorno ad un unico tavolo di lavoro pazienti, enterostomisti e ricercatori. Insieme, grazie al contributo di FAIS –  centrale nel definire la prospettiva di chi affronta la stomia – hanno definito un documento condiviso che ha identificato fasi e procedure per una gestione ideale del percorso di cura in stomia. Ideale per l’operatore sanitario, che grazie a pratiche chiare e condivise, opera con maggiore efficacia organizzativa e maggiore soddisfazione professionale ponendosi come vero consulente nella vita quotidiana del paziente. E ideale, soprattutto, per la persona stomizzata, che può finalmente vedere soddisfatte le esigenze di cura a partire proprio dalla presa in carico, per capire e conoscere il percorso che lo attenderà prima di doverlo affrontare, sapendo di poter contare su un’assistenza personalizzata, attenta anche all’aspetto psicologico, in una nuova quotidianità.

Siamo molto orgogliosi del lavoro svolto e del risultato ottenuto” commenta Maurizio Marrazzo, Marketing Manager della Divisione OPM di B. Braun Milano. “Sin dall’inizio dei lavori è emerso in modo chiaro quanta necessità ci fosse da parte di tutti i partecipanti di identificare pratiche strutturate e condivise. L’elemento essenziale, è stato di mettere tutto nella prospettiva della persona stomizzata e costruire l’intero flusso intorno alle sue necessità”. Il documento che definisce il patient flow contestualizza il percorso, ma è soprattutto uno strumento operativo condiviso che ruota intorno alle esigenze del paziente e ridefinisce gli step di lavoro. “Il prossimo passo sarà la pubblicazione del patient flow su una rivista scientifica in modo che possa essere appropriatamente divulgato nella comunità medico-infermieristica per supportarne l’adozione” spiega Mauro Rossi Espagnet, Direttore della Divisione OPM di B. Braun Milano. “E per il futuro ci impegniamo fino da ora a supportare l’effettiva implementazione del patient flow da parte dei partecipanti, in modo da identificare criticità e aree di più immediata realizzazione così da gradualmente favorire l’adozione del patient flow a tutti i livelli”.

 

By | 2019-12-02T17:53:48+01:00 Dicembre 3rd, 2019|Articoli|Commenti disabilitati su DALL’ECAMP DI B. BRAUN NASCE IL “PATIENT FLOW NELLO STOMACARE”